Intaglio del legno

Artigianato tradizionale della Val Gardena

La creazione di figure intagliate nella Val Gardena è una tradizione che risale a molti secoli fa, che si può ricondurre alle lunghe notti invernali, durante le quali le persone fantasticavano e cercavano di dare forma a pezzi di legno. L'intaglio era anche un'opportunità di dare espressione alle proprie impressioni, pensieri e concezione della vita. I primi prodotti erano soprattutto maschere e oggetti d'uso comune, in seguito, a riprova della tecnica migliorata e delle finezze artistiche raggiunte dagli abitanti della valle, si sono aggiunti alla collezione anche giocattoli di legno e figure religiose. Un passatempo di poche persone, cominciato nel 1600, era diventato un'occupazione principale nel 1800 per molti abitanti della valle delle Dolomiti. L'apertura di una scuola d'arte e di disegno, la costruzione della strada della Val Gardena così come la fondazione di un'organizzazione di vendita hanno contribuito a questo progresso generale percepito in Val Gardena. I prodotti che venivano creati ed esportati erano per la maggior parte figure di natura cristiana: Madonne, angeli, crocifissi e presepi. Tra parentesi: il più grande presepe intagliato a legno si trova nel centro Iman a Santa Cristina. Durante la creazione di una nuova figura del presepe, potete collocarvi alle spalle dello scultore per lanciare uno sguardo su questa affascinante attività tradizionale. Infatti i Gardenesi continuano ad intagliare ancora oggi, prova che questa tipica forma di artigianato è più viva che mai.